Blog: http://bombay.ilcannocchiale.it

indispensabili

Ciò che si vede da questa tribuna silenziosa sulla mia montagna in una notte splendidamente chiara come la notte in cui Murray mi lasciò per sempre, è quell’universo in cui l’errore non ha corso. Ciò che si vede è l’inconcepibile: il colossale spettacolo della mancanza di antagonismo. Ciò che si vede con i propri occhi è il grande cervello del tempo, una galassia di fuoco non acceso da mano umana.
Le stelle sono indispensabili.

Philip Roth – Ho sposato un comunista


Lontano da quella duna isolata su un’isola lontana, dove ogni notte cedevo al sonno osservando lo spazio celeste che mi entrava dentro e mi riempiva, in un momento come questo, di completo, pauroso e sconosciuto distacco da tutto ciò che mi circonda, per me, in questi giorni, i libri di Philip Roth sono indispensabili. Come guardare le stelle.



*Andante moderato, Sinfonia N°8 – Franz Schubert

Pubblicato il 20/10/2009 alle 11.52 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web