.
Annunci online

  bombay [ autoritratto fumé, diario alcolico, messaggi in bottiglia ]
         

Il peggio:

Assaltato ed espugnato

Volevamo diventare Kafka

aids

feisbuc

fogli a quadretti

vagine trafficate

palle da biliardo

donne al matrimonio

tristo aedo metropolitano

Gin

certe mattine in Chinatown

la valigia sul letto

infinito al super

greek present

Giorgiana e Antonio

la maestra di religione

r.i.p.

Elisa si è sposata

al mare con Rossella

chiuso

tra un goccio e l'altro

Gaza-Rafah-Gaza

OsCan2004

virago

giustizia tossica

bianconerotu

gastronomia rivoluzionaria

soste obbligate

spritz

la Sfiga

segni particolari

1982

Hezbollah

dieci donne

pennichella

tango italico

lettera con ingoio

seconda acca

sms

nina

Lampi d'assenza

goal

An Naqurah

doubledecker

o merda!

Meneghino, con orgoglio e rabbia

la libreria

angelus da orgasmo

Donini

Genova

a pezzi

grasso in eccesso

polvere di stelle

etciù

Chiavi

Vinoteca

Elisa

Richiesta noir

Sogno d'estate

In coito veritas

carta e pellicole

diarchia alcolica

Belgrado-Toronto

Folli tramonti a Chinatown

sbronza storica

Edda

Kirk in Chinatown

Walter

supereroe demodé

gli alberi di Palestro

Lilli

Zazzie

Ascolta

il gap sta nel bip

Incontri ravvicinati del neocon-tipo

Clint

natale

il vecchio

Scaligero impaurito

Pioggia per un ciao

e ora si batte cassa

Meravigliosamente donne

Coraggio e fantasia

Morte in frac

Partenza improvvisa

Io e Woody

Amore per sei cilindri a V

Il dirimpettaio deluso

Politica e matrimonio

telefonata in codice

Maturità

Outing...

Singolitudine adieu

la cameriera

Magia

Tram giallo

Porco schifoso

Baristi blu

Tiscali

Provaci ancora Bombay

Vuoti a perdere

Bombay senior

Stupidera cinese

Bici e donne

Stereotipando donne

Generazione di merda

Preghiera

11 marzo

Per Alda Merini

Senatore

Pantani

Briciole di cuore

bleclist

Ernesto

'fanculo

Le chiavi dell'auto

Masturbation

Folle per i quadrati

C'avete il mouse con le emorroidi

Calma, calma, calma

Immigration

Da Zara con la greca

La lavatrice

Chiaro?



Contatto:
bombay73@tiscali.it






Tanta acqua sotto i ponti...


2008
dicembre

novembre

ottobre

settembre

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio



2007
dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio



2006
dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio



2005
dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

gennaio



2004
dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio



2003
dicembre

novembre

ottobre


4 ottobre 2004

Pioggia per un ciao

Che sarebbe successo si sapeva. Lo sapevamo in tanti. È che davanti a certe cose cerchi di far finta di nulla, di non pensarci. Sai che una cosa deve capitare, che non ti piacerà proprio per niente, anzi..., e allora finché non arriva quel momento la cancelli. E non esiste più.
Ma il momento arriva. Puntuale.

Sai come mi piacerebbe salutarti? Vorrei che questa città fosse sotto un violento acquazzone. Questa Milano che entrambi amiamo visceralmente da anni, da sempre, che abbiamo imparato ad amare ancora di più stando insieme. Mamma mia, quante passeggiate insieme sotto la pioggia. Ci è sempre piaciuta la pioggia. Camminavamo rasenti i muri, con i capelli fradici, i tuoi vestiti incollati al corpo. Abbracciati. Mano nella mano. Oppure in bicicletta.
Una di quelle giornate grige, di quel grigio compatto, quasi palpabile. Quando la luce non arriva dal sole, dal cielo, ma arriva da sotto, dai riflessi argentati del pavet bagnato. Ci avvolge. E non ci sono ombre.
Percorriamo le strette vie del quartiere di santambrogio. Le conosciamo come fossero le mattonelle del nostro bagno. Le foglie cadute, bagnate, non fanno rumore sotto i nostri passi. Si squagliano, morbide e tristi.
Ricordi, quante volte arrivavamo a un angolo di una via, io volevo andare da una parte e tu dall’altra. Ma le nostre mani non si staccavano. Rimanevamo uniti. E allora uno dei due trascinava l’altro, allungando il passo, tirando più forte, correndo. Col sorriso.
Ecco, siccome stavolta a quell’angolo ci dobbiamo staccare per forza, bè, almeno non correre. Lascia che la mia mano, che per così tanto tempo ha stretto la tua, accarezzi il tuo viso bagnato.
Poi io vado di qua, verso quella piazza che ci piace tanto, coi mattoni rossi, le colonne e gli scalini lucidi. Tu vai pure di là, per quella via con quell’albero strano cresciuto chissà come in mezzo al cemento.
Speriamo che piova, tanto. Che la pioggia confonda tutto e non mi faccia ascoltare il rumore dei tuoi passi che vanno via.




permalink | inviato da il 4/10/2004 alle 15:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


sfoglia     settembre        novembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



herzog
giornalarisinasce
akatalepsia
nutshelldowninahole
il monello
clelia
chiarelettere
nonsolorossi
miele
albatroferito
attac
strelnik
personalitaconfusa
VII
antisporcelli
malvino
10x10
falso idillio
pinoscaccia
fetish
iraklia
internazionale
emanuelito
elisa
gilda
musk
nonoranonqui
napolino
haaretz
simopal
harry
insolitacommedia
placidasignora
raissa
river
fotoblog
bbc
una donna per amico
marvin
violet
lia
perAldaMerini
enzo
vetro
oldman
bambini nel mondo
gilgamesh
cassandra
impedimenta
arsenico
napoorsocapo
leggereleggereleggere
delfi
marioadinolfi
sacripante!
circonferenza
banaadiri
giuda iscariota
daze
madblog
bebbe grillo
compagnosegreto
mari
lostinflorence
ghirone
weird (?)
stebaldo
nefeli
trentanni
bazarov
hotel messico
watergate
champion
eveline
olifante
wikipedia
uic
bob
ellamoon
scrittomisto
luogocomune
teatronecessario
LadyRoseNoire
billboard


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom