.
Annunci online

  bombay [ autoritratto fumé, diario alcolico, messaggi in bottiglia ]
         

Il peggio:

Assaltato ed espugnato

Volevamo diventare Kafka

aids

feisbuc

fogli a quadretti

vagine trafficate

palle da biliardo

donne al matrimonio

tristo aedo metropolitano

Gin

certe mattine in Chinatown

la valigia sul letto

infinito al super

greek present

Giorgiana e Antonio

la maestra di religione

r.i.p.

Elisa si è sposata

al mare con Rossella

chiuso

tra un goccio e l'altro

Gaza-Rafah-Gaza

OsCan2004

virago

giustizia tossica

bianconerotu

gastronomia rivoluzionaria

soste obbligate

spritz

la Sfiga

segni particolari

1982

Hezbollah

dieci donne

pennichella

tango italico

lettera con ingoio

seconda acca

sms

nina

Lampi d'assenza

goal

An Naqurah

doubledecker

o merda!

Meneghino, con orgoglio e rabbia

la libreria

angelus da orgasmo

Donini

Genova

a pezzi

grasso in eccesso

polvere di stelle

etciù

Chiavi

Vinoteca

Elisa

Richiesta noir

Sogno d'estate

In coito veritas

carta e pellicole

diarchia alcolica

Belgrado-Toronto

Folli tramonti a Chinatown

sbronza storica

Edda

Kirk in Chinatown

Walter

supereroe demodé

gli alberi di Palestro

Lilli

Zazzie

Ascolta

il gap sta nel bip

Incontri ravvicinati del neocon-tipo

Clint

natale

il vecchio

Scaligero impaurito

Pioggia per un ciao

e ora si batte cassa

Meravigliosamente donne

Coraggio e fantasia

Morte in frac

Partenza improvvisa

Io e Woody

Amore per sei cilindri a V

Il dirimpettaio deluso

Politica e matrimonio

telefonata in codice

Maturità

Outing...

Singolitudine adieu

la cameriera

Magia

Tram giallo

Porco schifoso

Baristi blu

Tiscali

Provaci ancora Bombay

Vuoti a perdere

Bombay senior

Stupidera cinese

Bici e donne

Stereotipando donne

Generazione di merda

Preghiera

11 marzo

Per Alda Merini

Senatore

Pantani

Briciole di cuore

bleclist

Ernesto

'fanculo

Le chiavi dell'auto

Masturbation

Folle per i quadrati

C'avete il mouse con le emorroidi

Calma, calma, calma

Immigration

Da Zara con la greca

La lavatrice

Chiaro?



Contatto:
bombay73@tiscali.it






Tanta acqua sotto i ponti...


2008
dicembre

novembre

ottobre

settembre

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio



2007
dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio



2006
dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio



2005
dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

gennaio



2004
dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio



2003
dicembre

novembre

ottobre


27 novembre 2008

Ponte sott’acqua

«Ma vi rendete conto di dove siamo ragazzi?... In mezzo al deserto, in bicicletta, probabilmente persi. Sicuramente persi, cercando un posto che non sappiamo neanche che posto è, dove forse ci sono i due stronzi, ma dico forse... sulle indicazioni di un dentista... tedesco... albino... drogato... omosessuale... e del suo concubino che è un ergastolano».

La scorsa settimana mi son trovato in un cinema di Marrakech ad assistere alla prima del film di Ridley Scott con Di Caprio. Un’americanata con tante esplosioni, inseguimenti, doppiogiochisti, colpi di scena. Body of lies, il titolo. Argomento la lotta al terrorismo.
La sala era gremita, e sono riuscito a trovare un posto libero solamente in seconda galleria, in piccionaia. Ero circondato da marocchini. Ragazzi e ragazze. Vestiti all’occidentale, con i loro jeans e scarpe da ginnastica griffati a stelle e strisce. Fino a quel momento il soggiorno a Marrakech mi aveva trasmesso la stessa sensazione che tutti riportavano parlando di questa città: un ponte tra occidente e mondo islamico, un modello di convivenza tra culture diverse, grazie anche al massiccio flusso di turisti costante per tutto l’arco dell’anno.
Le luci si spengono e inizia la proiezione.
Ogni volta che sullo schermo il terrorista di turno inneggiava e proclamava la giustezza della guerra santa contro l’occidente, dal pubblico attorno a me si levavano applausi a scena aperta, urla di sostegno. Più che in un cinema sembrava di stare allo stadio. Più precisamente dentro a una curva: quella dei tifosi per i terroristi.
Ora, l’elenco delle contraddizioni sarebbe lunghissimo. Una cosa però è certa: dal Maghreb all’India il sentimento di ostilità nei confronti degli infedeli è diffuso e crescente. In quel cinema non ero seduto in mezzo a una schiera di possibili terroristi. Ero seduto tra una folla di persone comuni che comunque giustificano e inneggiano alle azioni terroristiche. Le argomentazioni addotte a questo tifo, poi, non erano certamente profonde e logiche. Anzi, molto confuse: tutti quelli con i quali ho scambiato qualche parola dopo la proiezione avevano una convinzione comune: gli attentati, 11 settembre compreso, sono opera degli americani. Un pretesto confezionato per proseguire la guerra e la colonizzazione della ricca terra dell’Islam. Inutile controbattere che i primi alleati degli Stati Uniti sono alcuni tra i paesi arabi più ricchi e fondamentalisti. E che quindi bisognerebbe fare delle distinzioni, partendo col lasciare da parte la religione.
La sera prima, nello stesso cinema, avevo assistito alla proiezione de l’Amore velato, un film marocchino coraggioso, dove la protagonista, un’emancipata e bellissima dottoressa di Tangeri, vive una storia d’amore con un architetto playboy. Minigonne, scene di sesso e, ancor più scandaloso, un continuo togliersi e mettersi il velo. Finale con punto di domanda sulla questione aborto. Grande successo di pubblico.
Due giorni prima ancora, ho pranzato con un grande artista italiano che per lunghi periodi vive a Marrakech. Mi ha detto: «Io, artista, omosessuale ed ebreo, mi sento meno discriminato qui che in Italia».

Smarrimento. Voglia di fuga. E di amore vero.

«Sai che sei cambiato?»
«Che stronzata, certo che sono cambiato».



*La leva calcistica del ’68 – Francesco De Gregori




permalink | inviato da bombay il 27/11/2008 alle 12:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa



4 novembre 2008

casual

Dovrò indossare lo smoking, io che già odio solamente stare in giacca e cravatta.
Ultimamente ho fatto un po’ troppe cose che non mi andava di fare. Vabbé i compromessi, certo, ma a un certo punto basta. Eccheccazzo.
Mi vorrei presentare in slip, maglietta, ciabatte e vestaglia. Con pacchetto di sigarette infilato nell’elastico liso delle mutande. E un rivolo di gintonic che mi cola sulla barba sfatta.
Almeno piove.

 

*Hotel California - Gypsy Kings




permalink | inviato da bombay il 4/11/2008 alle 13:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


sfoglia     ottobre        dicembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



herzog
giornalarisinasce
akatalepsia
nutshelldowninahole
il monello
clelia
chiarelettere
nonsolorossi
miele
albatroferito
attac
strelnik
personalitaconfusa
VII
antisporcelli
malvino
10x10
falso idillio
pinoscaccia
fetish
iraklia
internazionale
emanuelito
elisa
gilda
musk
nonoranonqui
napolino
haaretz
simopal
harry
insolitacommedia
placidasignora
raissa
river
fotoblog
bbc
una donna per amico
marvin
violet
lia
perAldaMerini
enzo
vetro
oldman
bambini nel mondo
gilgamesh
cassandra
impedimenta
arsenico
napoorsocapo
leggereleggereleggere
delfi
marioadinolfi
sacripante!
circonferenza
banaadiri
giuda iscariota
daze
madblog
bebbe grillo
compagnosegreto
mari
lostinflorence
ghirone
weird (?)
stebaldo
nefeli
trentanni
bazarov
hotel messico
watergate
champion
eveline
olifante
wikipedia
uic
bob
ellamoon
scrittomisto
luogocomune
teatronecessario
LadyRoseNoire
billboard


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom